La più grande meraviglia della natura è l’incessante danza di colori, suoni e profumi, che dipingono paesaggi diversi e bellissimi. Come accade nel Parco Nazionale del Circeo, dove l’antica Foresta, con le sue affascinanti piscine naturali, i laghi costieri e le numerose lagune salmastre creano il più importante ecosistema palustre d’Italia.

Un tempo le Paludi Pontine occupavano un territorio immenso, selvaggio e infestato dalla malaria, in cui i più audaci si avventuravano a bordo dei cosiddetti “saldali” (così erano chiamati i caratteristici battelli della palude, col fondo piatto e sospinti con la pertica dal “saldalaro” o trainati da cavalli e buoi); dopo l’infinità di tentativi dei secoli precedenti, il governo fascista riuscì a portare a termine la grande opera di bonifica che, grazie alla costruzione di canali e case coloniche e alla fondazione delle nuove città razionaliste, quali Littoria (Latina), Sabaudia, Pontinia e Aprilia, trasformò per sempre il volto e la storia di queste terre.

Nel Parco Nazionale del Circeo sopravvive un pezzo di quel mondo, ormai lontano: la Selva di Circe custodisce ciò che resta dell’antica foresta planiziaria insieme alla Piscina delle Bagnature e alla Piscina della Gattuccia, preziose riserve naturali, bellissime aree paludose che si formano in modo naturale per accumulo delle piogge e affioramento delle falde. È così possibile, in alcuni periodi dell’anno, ammirare uno degli ambienti più suggestivi dei boschi di pianura, col sole che filtra pallido tra la fitta vegetazione, il silenzio assoluto e l’acqua ferma, immobile.

Lo spettacolo continua con i meravigliosi laghi costieri: il Lago di Sabaudia o di Paola, il Lago di Caprolace, il Lago dei Monaci e il Lago di Fogliano che, insieme alle lagune e agli specchi d’acqua delle zone umide allagate stagionalmente, ospitano centinaia di uccelli migratori. Una passeggiata in questi scenari incantati può regalare avvistamenti e incontri straordinari con il falco pescatore e di palude, il gufo, il fagiano, la gallinella d’acqua, il chiurlo, il cavaliere d’Italia, la cicogna bianca, l’airone cenerino e tantissimi altri splendidi esemplari di avifauna.

Scopri i tesori del Parco su www.parcocirceo.it